Le guerre più lunghe della storia umana - Dove si trova

Le guerre più lunghe della storia umana

Anche la più breve delle guerre può durare a lungo per le parti coinvolte. Sfortunatamente per coloro che sono coinvolti nei conflitti elencati di seguito, hanno dovuto sopportare tali turbolenze per dozzine o addirittura secoli. In alcuni, i soldati hanno combattuto tutta la loro vita in una guerra che non avrebbero mai visto decisa, anche quando era iniziata prima della loro nascita!

Le guerre più lunghe della storia umana
Le guerre più lunghe della storia umana

10. Conflitto Karen (1949-presente; 67 anni in corso)

Il conflitto Karen è la più lunga guerra civile del mondo, iniziata nel 1949 ed è ancora in corso. Il conflitto Karen riguarda il popolo Karen, uno dei più grandi gruppi etnici nel sud-est asiatico, che ha combattuto per il proprio paese Karen separato in Myanmar (Birmania) per secoli. I due principali partecipanti a questa guerra civile sono l’Unione Nazionale Karen e il Tatmadaw birmano. La prima è un’organizzazione politica del popolo Karen, dotata di un braccio armato (l’Esercito di liberazione Nazionale Karen) e il Tatmadaw con l’organizzazione militare ufficiale del Myanmar. Il conflitto è principalmente combattuto nello Stato Karen del Myanmar, che è stato istituito dal governo birmano nel 1952. Il conflitto ha provocato migliaia di vittime nel corso degli anni e ha indotto molti Karen a fuggire nei paesi vicini.

9. Guerra d’indipendenza olandese (1568-1648; 80 anni)

La guerra degli Ottant’anni, chiamata anche rivolta olandese, ha attraversato un periodo di 80 anni tra il 1568 e il 1648. Il periodo fu segnato dalla rivolta delle diciassette province dei Paesi Bassi contro il re spagnolo. All’inizio della rivolta, le forze del re riuscirono a sottomettere i ribelli e sopprimere la ribellione. Tuttavia, la ribellione si rafforzò e nel 1572 i ribelli catturarono Brielle, il che significò una grande sconfitta per la Spagna. Infine, nel 1648, le diciassette province raggiunsero l’indipendenza come Province Unite dei Paesi Bassi, conosciute anche come Repubblica.

8. Guerra Seleucide-Partia (238 a. C. – 129 a. C.; 109 anni)

La guerra seleucide-partica comportò una serie di conflitti tra l’Impero seleucide di Persia e lo stato della Partia, con conseguente espulsione del primo dalla sua base in Persia e la creazione di un Impero partico. All’inizio, l’Impero Seleucide si estendeva dalla Siria al fiume Indo. Mantenere un regno così vasto non era facile e i Seleucidi affrontavano costantemente problemi sia dagli Stati ellenistici in occidente che dal popolo iraniano in oriente. Approfittando del tumulto, due Satrapi seleucidi, quelli della Battria e della Partia, dichiararono le loro province periferiche come stati indipendenti. Tuttavia, la Partia fu a sua volta invasa dalle tribù iraniane Parni dall’Asia centrale nel 238 a.C., che poi presero il controllo del paese e si riferirono a se stessi come i Parti. I Seleucidi, che erano troppo impegnati a combattere l’Egitto tolemaico all’epoca, persero gran parte del loro territorio ad est della Persia e dei Media per mano dei Parti.

Tuttavia, Antioco III, un ambizioso re seleucide, era pronto a reclamare i territori perduti del suo impero ancestrale e iniziò una campagna contro i Parti nel 209 a.C. In tal modo, Antioco III riuscì a sconfiggerli, riducendoli allo status di vassallo nella loro provincia originale conquistata della Partia. Tuttavia, i Seleucidi iniziarono a perdere il controllo del paese quando Antioco fu sconfitto dai Romani nella battaglia di Magnesia. La Partia ora passò sotto il potere degli Arsacidi, e il nuovo re partico iniziò a conquistare le terre seleucide. Nel 139 a.C., i Seleucidi furono sconfitti in una grande battaglia con i Parti, che terminò con la conquista del re seleucide Demetrio II, e quindi i Parti come nuovi governanti della regione.

7. Plantageneto-Valois / guerra dei cent’anni (1337-1453; 116 anni)

La Guerra dei Cent’anni fu un conflitto prolungato combattuto tra due case reali che affermavano di essere i legittimi candidati al trono francese. La guerra fu causata dall’estinzione della vecchia linea capetiana dei re francesi, lasciando di fatto il trono francese. I due principali contendenti per il trono erano la Casa di Plantageneto (o Casa d’Angiò) e la Casa rivale di Valois. I primi erano i governanti dell’Inghilterra del 12 ° secolo e originariamente appartenevano alle regioni francesi in Angiò e Normandia.

Mentre i Plantageneti affermavano di essere i sovrani combinati di Inghilterra e Francia, la Casa dei Valois affermava anche di essere i sovrani del Regno di Francia. Cinque generazioni di re di queste due dinastie rivali combatterono per il trono francese tra il 1337 e il 1453, con altezze di vittoria e cavalleria da entrambe le parti. Alla fine di questa guerra, Giovanna d’Arco ha svolto un ruolo importante nel far rivivere la dinastia Valois.

Ispirò uno spirito combattivo in Carlo, il principe Valois diseredato, e fece in modo che fosse incoronato dopo che i suoi sforzi contribuirono a sollevare l’assedio inglese di Orleans, il tradizionale sito di incoronazioni della dinastia Valois. Presa dagli inglesi, Giovanna fu arrestata e giudicata colpevole di stregoneria e poi bruciata sul rogo nel 1431. Gli sforzi di Giovanna non furono persi, tuttavia, e Carlo fu in grado di trattenere il suo regno. Successivamente, nel 1453, le truppe inglesi furono costrette a ritirarsi dalla Francia.

6. Bizantino-ottomano (1265-1479; 214 anni)

Le guerre bizantino-ottomane furono una serie decisiva di battaglie che si protrassero per un lungo periodo di 214 anni tra il 1265 e il 1479. Questa guerra in ultima analisi, ha causato la scomparsa dell’Impero bizantino e l’ascesa dell’Impero ottomano negli ex territori dei bizantini. Nel 1204, la capitale bizantina di Costantinopoli fu occupata dai IV crociati. Il Sultanato di Rum colse questa opportunità per conquistare il territorio bizantino in Asia Minore. Tuttavia, nel 1261 Costantinopoli fu presa dall’impero di Nicea dall’Impero latino.

L’Impero bizantino continuò ad affrontare minacce da un certo numero di nemici durante questo periodo e una delle più grandi minacce fu posta da un Bey turco di nome Osman I, che passò alla storia come il fondatore dell’Impero ottomano. Osman I dichiarò per la prima volta che era sultano del Beylik ottomano e che nel 1380 aveva conquistato la Tracia dai Bizantini. Nel 1400, l’Impero bizantino fu ridotto a territori estremamente piccoli del vasto regno originale dei Bizantini e, nel 1479, con la conclusione delle guerre bizantino-ottomane, la supremazia ottomana era ben stabilita nel Mediterraneo orientale.

5. Bizantino-selgiuchide (1048-1308; 260

Le guerre bizantino-selgiuchidi includevano una serie di battaglie per un periodo di 260 anni che portarono a uno spostamento di poteri dall’Impero bizantino ai turchi selgiuchidi nelle regioni dell’Asia Minore e della Siria, e l’emergere di un’era delle Crociate. Dopo la presa di Baghdad nel 1055, i turchi espansero il loro regno verso ovest e nel 1064 conquistarono il sultano selgiuchide, Alp Arslan, Armenia dai Bizantini. Nel 1067, quando i turchi tentarono di invadere l’Asia Minore, furono respinti da un contrattacco bizantino.

Tuttavia, la battaglia di Manzikert nel 1071 si rivelò una grande vittoria per i turchi selgiuchidi, in quanto riuscirono a sconfiggere le forze bizantine e catturare l’imperatore bizantino stesso. Nonostante questa grande vittoria, il dominio bizantino sull’Asia Minore continuò e ci vollero altri 20 anni perché i turchi ottenessero il pieno controllo della penisola anatolica. La chiamata per la Prima Crociata fu fatta quando i turchi selgiuchidi conquistarono Gerusalemme. Entro cento anni dalla battaglia di Manzikert, le prime crociate scacciarono i selgiuchidi dalle coste dell’Asia Minore, e i Bizantini riconquistarono con successo una qualche forma di controllo su parti dei loro territori perduti. Le successive crociate, tuttavia, fecero più male che bene ai Bizantini, poiché i Crociati, spesso ignorando o mancando di rispetto ai loro alleati, saccheggiarono anche città e paesi bizantini.

4. Guerra di Arauco (1536-1818; 282 anni)

La guerra di Arauco fu una delle guerre più lunghe della storia del mondo, durata 282 anni dal 1536 al 1818. Nei loro tentativi di dominare il Sud America, gli spagnoli tentarono ripetutamente di colonizzare il popolo Mapuche, gli abitanti indigeni della regione. Nel 1536, mentre gli spagnoli esploravano a fondo lo Stretto di Magellano, i Mapuche rifiutarono di permettere loro di andare oltre e attaccare il piccolo esercito spagnolo. Sebbene in inferiorità numerica, gli spagnoli erano ben equipaggiati con armi più avanzate che permettevano loro di uccidere un gran numero di Mapuche e costringere i sopravvissuti a ritirarsi.

Le battaglie continuarono in futuro e i Mapuche riuscirono a mantenere la loro indipendenza, principalmente a causa delle barriere naturali che la regione offriva. Tuttavia, nonostante le battaglie, furono stabiliti anche scambi commerciali tra entrambe le parti. Durante la guerra d’indipendenza cilena, gli spagnoli furono sconfitti dai cileni e il dominio spagnolo in Cile fu completamente estromesso, ponendo fine alla guerra tra i Mapuche e gli spagnoli. Tuttavia, i Mapuche si opposero a questo trasferimento di potere e le loro peggiori paure si dimostrarono vere quando la nuova nazione del Cile usò anche la forza e la diplomazia per cacciare i Mapuche dal loro territorio, portando a molte morti per fame e malattie e paralizzando le perdite economiche.

3. Guerra olandese-Scilly (1651-1986; 335 anni)

Una delle guerre più lunghe e persino più strane della nostra storia mondiale, caratterizzata da una completa assenza di battaglie e spargimenti di sangue, è conosciuta come la guerra dei trecentotrentacinque anni. Il conflitto iniziò il 30 marzo 1651, come sottoprodotto della guerra civile inglese. Gli olandesi, vecchi alleati dell’Inghilterra, decisero di schierarsi con i parlamentari. I realisti, con i quali gli olandesi avevano precedentemente avuto relazioni amichevoli, considerarono questo come un tradimento e, nella loro rabbia, invasero la spedizione olandese come una punizione per i loro amici traditori. Tuttavia, nel 1651 i Realisti erano stati cacciati da tutta l’Inghilterra, ad eccezione di un piccolo gruppo di isole, vale a dire le ‘Isole di Scilly’. Gli olandesi, che avevano subito perdite commerciali per mano dei Realisti, decisero di dare loro una lezione inviando le loro forze navali nell’area per minacciare i realisti.

Gli ordini furono anche dati al comandante olandese Tromp di dichiarare guerra se i realisti non avessero sputato denaro. Successivamente, secondo la storia più comune, i Realisti rifiutarono il denaro, costringendo Tromp a dichiarare guerra. Le forze realiste notevolmente ridotte e le possibilità di scarsi profitti da esse indussero Tromp a rescindere la sua ricerca di fidanzamento e tornare senza un paradiso di combattimento. Ben presto i realisti si arresero ai parlamentari, e gli olandesi avevano sostanzialmente dimenticato di aver dichiarato guerra. Più di 3 secoli dopo, uno storico locale, Roy Duncan, incappò in una nota storica a Scilly sulla guerra, e invitò l’ambasciatore olandese in Gran Bretagna a visitare Scilly e negoziare un armistizio. Il trattato di pace fu firmato il 17 aprile 1986, ponendo fine alla “falsa guerra” tra gli olandesi e le Isole Scilly.

2. Guerre persiano-romane (92 a. C. – 629 d. C.; 721 anni)

Le guerre persiane romane furono una serie di guerre che si svolsero per un periodo di 721 anni tra il mondo romano e due imperi iraniani successivi, vale a dire i Parti e i Sasanidi. La prima battaglia di questa guerra si sta preparando nel 92 AC quando la Repubblica romana combatté con i Parti. Dopo la cessazione delle ostilità con i Parti, i Romani continuarono la loro lotta contro il prossimo impero iraniano ad affrontarli, quello dei Sasanidi.

La guerra fu conclusa dalle incursioni dei musulmani arabi nel 629 d. C., che devastarono sia l’Impero romano d’Oriente bizantino che l’Impero Sasanide. Durante la guerra prolungata tra Persiani e Romani, la frontiera rimase in gran parte stabile, mentre città, fortezze e province vicino alle frontiere furono continuamente conquistate e riconquistate da questi due gruppi di imperi rivali in guerra. Tuttavia, la guerra ebbe conseguenze economiche devastanti sia per i romani che per i persiani (sia partici che sasanidi), e come tale rese entrambi estremamente vulnerabili agli attacchi improvvisi di essere colpiti dai musulmani arabi.

1. Guerre di religione iberiche (711-1492; 781 anni)

Le guerre di religione iberiche, o “Reconquista”, furono un periodo della storia della penisola iberica (compresa la Spagna e il Portogallo moderni) che si estendeva intorno agli anni 781, dal 711 al 1492. Il periodo fu segnato da una lunga serie di lotte tra i regni cristiani e i Mori musulmani per il controllo della penisola.

Nel 711, i mori, musulmani che vivevano nella regione del Nord Africa e ora parte del Marocco e dell’Algeria, attraversarono il Mediterraneo e gradualmente si diressero verso l’Europa, stabilendo i propri territori ovunque e quando possibile. Il vero inizio della Reconquista in piena forza fu segnato dalla battaglia di Covadonga nel 718 quando il re cristiano Pelayo dei Visigoti sconfisse l’esercito musulmano che si avvicinava ad Alcama. Nei secoli successivi, una serie di battaglie furono combattute tra cristiani e mori, con vittorie e perdite da entrambe le parti. Negli ultimi anni della Reconquista, la Chiesa cattolica riconobbe la guerra come una “guerra santa” simile alle Crociate, e diversi ordini militari della chiesa parteciparono alla guerra.

Infine, nel 1400, i Mori avevano solo pochi territori rimasti sotto il loro dominio. Nel 1469, un matrimonio storico tra il re Ferdinando d’Aragona e la regina Isabella I di Castiglia segnò la fine dell’invasione musulmana della penisola iberica mentre le forze unite di Ferdinando e Isabella combattevano i Mori. Riuscirono a riconquistare Grenada da loro nel 1492, ponendo così fine alla Reconquista.

About admin

Check Also

In che Stato si trova il Burundi

¿En qué continente se encuentra Burundi?

In che Stato si trova il Burundi? Area 10,759 square mi (27,830 square km) Popolazione …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *